Attenti alle donne che hanno sofferto.

Io vi avverto: state ben attenti a non far del male alle donne che hanno sofferto. Sono sensibili, le donne che hanno sofferto, ma sono forti, tenaci, coraggiose, risolute. Possono apparire stanche, indebolite, sfiancate, spossate, ma non vi arrischiate a trarre giovamento dalla loro apparente vulnerabilità. Le donne che hanno sofferto hanno conosciuto la lotta, il dolore, il male, la sofferenza, l’angoscia, la disperazione, la tristezza e non hanno più paura: hanno imparato a combattere, a lottare, a difendersi, a superare le avversità, ad imporsi sul male, a non arrendersi. E ce l’hanno fatta.  Le ferite che portano addosso testimoniano quanto è stata dura la battaglia e sono segni della loro perseveranza. Non provate a vincere con le donne che hanno sofferto, non ve lo permetteranno. Abbiate, semmai, riguardo per loro, donate loro attenzioni e rispetto. Imparate da loro. Ma, vi avverto, state ben attenti a non far del male alle donne che hanno sofferto.

 

©riproduzione riservata

(Photo #Danielederiu Daniele Deriu #scarsoflife )

daniel deriu

30 commenti su “Attenti alle donne che hanno sofferto.”

  1. Faccio parte di queste donne!! Non ci abituiamo mai alla sofferenza ma sapremo sempre uscire a testa alta, da sole o con l’aiuto delle poche persone che ci porgono una mano… Un abbraccione a tutte!

    1. Hai ragione Ione. Era proprio quello il senso del messaggio. Il dolore è sempre dolore, in qualsiasi caso. Ma la consapevolezza di avercela fatta, spesso da sole, da grande forza e tanta fiducia in se stesse, insieme alla voglia di non arrendersi. Mai. Buona fortuna per tutto. Un saluto affettuoso.

  2. Le ferite che portano addosso. … ci sono Uomini capaci a percorrere la vita con donne del genere? Rispettando quelle ferite?

    1. D’impulso risponderei “No! Non ci sono!” Ma credo che, se le donne che hanno sofferto non temono star da sole, hanno pure sviluppato la capacità di stare con gli altri, nonostante non vengano comprese pienamente. Hanno imparato, fra tutte le altre cose, innanzitutto ad essere tolleranti con le loro debolezze, e poi con quelle degli altri. E comunque esistono anche grandi uomini, Carla….un bacio!

  3. La paura oramai x me è un divertimento,anzi è una stima,x affrontare ogni cosa.la vita ho vissuto dal bianco fin nero e l’unica cosa che mi meraviglia è che,la mia forza interiore che nn ha confini davanti ostacoli. Grazie il signore che mi ha datto opportunità di avere esperienza di vivere nella realtà con attenzione e rispetto per prima verso me stessa e poi verso alle altre….. La vita è una scuola dove nn si finisce di mai imparare,x migliorarsi…..

  4. Dal libro Il Danno: Le persone che hanno sofferto sono pericolose, perché sanno di poter sopravvivere.
    Il libro non era un granché, ma questa frase me la sono scolpita nel cuore. Complimenti, bel blog

  5. E gli uomini che hanno sofferto? Qualcuno conosce gli uomini che hanno sofferto? Persone che riescono a tenere dentro di se sofferenze e angosce spesso senza destare sospetti. E gli uomini che hanno sofferto o che ancora soffrono hanno un animo temprato dalla sofferenza che smussa gli spigoli del carattere e rende più buoni. E sono quasi disposti a ricevere altre sofferenze. Perché gli uomini che soffrono non sentono più dolori non più di quello che conservano dentro di loro. Non toccate gli uomini che soffrono perché sono molto più fragili delle donne che soffrono.

    1. Ti ho letto. Hai una scrittura femminile, ma non leziosa. Un modo di dire che lascia solchi su cui ogni donna può lasciar cadere i suoi semi dai quali può germogliare, innaffiato dalle tue parole, il sentimento che ognuna sente più personale e suo. complimenti, Anna!

      1. Grazie Marisa, le tue parole sono bellissime. Che su ogni donna possa germogliare sempre il seme della consapevolezza, della forza e della bellezza dell’anima.
        Un abbraccio

  6. La stanchezza e la frustrazione spesso non ci fanno vedere che nonostante tutto siamo andate avanti, che nonostante tutti quelli che ci dicevano che stavamo sbagliando, noi siamo andate avanti…e continueremo a farlo, perché è inarrestabile qualsiasi donna che abbia ripreso fiducia e rispetto di sé. Uomini o no, in fondo sappiamo amarci!

  7. Le donne, al contrario degli uomini (questo devono concedermelo), hanno la capacità di procedere da sole, con tanto su loro stesse, Irene. Sembrano deboli, pensano di esserlo. Ma appena capiscono che possono farcela non hanno bisogno di altri che di loro stesse! Ciao, a rileggerci!

    1. Certo che te lo concedo …perchè è la verità! Però siccome voglio fare il maestrino segnerò con un tratto blu la frase “con tanto su loro stesse” che ovviamente dovrebbe essere “contando su loro stesse”!!!
      Abbraccio!

  8. Questo articolo l’ho trovato calzante , preciso.
    Ci sono momenti che essere forti e l’unica scelta che abbiamo e una volta uscire dalla giostra non permettiamo più a nessuno di ferirci. Abbiamo conosciuto il male lo abbiamo combattuto e le cicatrici sulla pelle, ancora molto visibili , si stanno rimarginando ma è il segno che ce l’abbiamo fatta perché siamo qui a raccontarlo. Ora teniamo la palma in mano, ma il fucile dietro la schiena, memori della sofferenza vissuta.
    Non abbiamo sentimenti bellici, ma abbiamo imparato a non farci calpestare, a non farci umiliare, a non farci massacrare.
    Noi che abbiamo creduto nell’amore “per sempre”.
    Quello stesso amore a cui abbiamo regalato noi stesse , la nostra vita e dedizione che ci ha demolito pensando che tanto saremmo sempre state alla loro dipendenza affettiva ed economica , ci siamo ribellate perché la nostra voce interiore ci ha fatto da guida e con tanta paura abbiamo preso la nostra vita , i nostri stracci e abbiamo cominciato a camminare nel sole. All’ inizio é stata molto dura. Ci hanno insegnato che da sole non era possibile e noi abbiamo trasformato l’impossibile a possibile. Il mio pensiero va a tutte le donne che non ce la fanno o non ce l’hanno fatta. Ai femminicidi costanti, a questa gelosia omicida.
    Uomini sappiate che nessuna donna vi appartiene. Nessuno appartiene a nessuno. Potrete solamente amarci ed essere ricambiati.
    Nessuno deve esercitare più violenza.
    Cambiamo i pensieri e cambieremo il mondo.

  9. Cara Emanuela, mi piace rimandarti qui http://www.marisacalvitto.it/2016/07/12/coraggio-delle-donne/
    E qui http://www.marisacalvitto.it/2016/07/05/donne-che-amano-troppo/
    Perché c’è un po’ tutto quello che hai scritto tu.
    Sai che cosa c’è di bello? Che quando io ho scritto questo articolo pensavo ad un atro tipo di sofferenza. Eppure la sofferenza delle donne è tutta “uguale” e quale che sia l’origine, reagiamo tutte con forza. Per questo dovremmo esser forse più solidali, fra noi…..un affettuoso saluto!

    1. Mi dispiace a tutte le donne che hanno e soffrono ma credo se permettete che lo dica,che bisogna andarci cauti quando si parla che soffrendo si diventa più temprate e una questione di caratteri e situazione .

Lascia un tuo pensiero!