Le donne in branco

Pericolose come cani randagi, come lupi affamati, le donne in branco cercano vittime e prede da sacrificare sull’altare del loro interesse e della loro superbia.

Si muovono in gruppo, con mosse leziose; coi loro suoni di gioia affascinano e ammaliano come canto di sirene.

Fiere della loro forza, si scambiano sguardi d’intesa, veloci, furtivi e complici, e, scelta la vittima, la fanno a brandelli; dopo essersi nutrite con spietatezza dell’anima altrui, compatte e orgogliose con addosso ancora l’odore del sangue, tornano a sorridere, pronte per prossimo attacco.

Non conoscono pietà né umana compassione e vivono godendo del piacere di annientare chi è fuori dal gruppo, sempre pronte a eliminare chi si mostri restia ad accettare le loro regole e le loro pratiche.

La loro apparente mancanza di solidarietà tra loro è solo una difesa dei membri del branco da chi, dal di fuori, cerca in un estremo tentativo di difesa di attaccare qualcuna di loro.

L’unica possibilità di salvezza è riconoscerle ed evitarle.

lupo-psicologia-jung-freud

 

 

2 commenti su “Le donne in branco”

Lascia un tuo pensiero!