Sono fatta di anima ed emozioni

Sono fatta di anima ed emozioni.

Sono fatta di anima, emozioni e pensieri.

Sono fatta di anima, emozioni, pensieri e parole.

Sono fatta di anima, emozioni, pensieri, parole e gesti.

Non potrei fare a meno di nessuna delle cose di cui sono fatta.

Anche se rischiassi di usare troppa anima, troppe emozioni, troppi pensieri, troppe parole, troppi gesti.

Perché sono fatta così e non so nascondermi.

Nel bene e nel male, che piaccia o dispiaccia.

Sono sempre io e chi sa come sono sa anche che non può aspettarsi nulla di diverso: nessuna scorrettezza, nessuna finzione, nessun silenzio.

Sa che non ho paura a mostrare l’anima, non ho timore dei pensieri che non posso arginare,che ho il coraggio delle parole che non riesco ad arrestare e che mi assumo la responsabilità dei gesti che non riesco a trattenere.

Perché sono fatta di anima, emozioni, pensieri, parole e gesti.

E poi c’è il cuore…

Quello che conta sono i pezzi di cuore

Quello che conta nella nostra vita sono i pezzi di cuore, non i pezzi di carta.
Anche se sono fruscianti banconote.

Io so che quel che dico (o scrivo) trova molti d’accordo in teoria, ma pochi in pratica, e ammetto che faccio fatica anche io, in certi casi.
Potrei ispirarmi a saggi ormai lontani nel tempo, ma sarebbe un discorso che discriminerebbe chi è talmente ignorante da non conoscere gli illustri personaggi che potrei citare.

Sono consapevole che il mio semplice pensiero non ha la stessa incisività di quello dei grandi nomi della cultura, ma ho sicuramente il coraggio delle mie idee, e, soprattutto, in confronto a certuni, ho LE MIE IDEE, e questo in alcuni casi fa davvero la differenza.

Abbiamo aspettato sorridendo l’estrazione del biglietto vincente della lotteria (la prima volta in più di otto anni che abbiamo tentato la fortuna) e quando, come ci aspettavamo, abbiamo scoperto di aver investito male 5 euro, abbiamo fatto spallucce. Non perché navighiamo nell’oro, anzi! Qualcuno di quei “pezzi di carta” avrebbe fatto comodo, ma crediamo che, avendo di che vivere, e per certi versi (uno di quei versi che sempre CERTUNI potrebbero non capire) anche di più, ci barcameniamo con quel che abbiamo.

Forse aver avuto ed avere altri ben più grandi dispiaceri apre cuore e cervello verso i valori che contano sul serio, ma se mai qualche rapporto si è incrinato, nella mia vita, se mai ho avuto discussioni, allontanamenti, non è certo stato per il denaro o per qualcosa di materiale. Non che non ce ne sia stata occasione: avrei potuto lottare per avanzare diritti, creare almeno dissapori, a volte anche fratture, ma ho sempre preferito le PERSONE, gli affetti, la serenità, la PACE.
Ci sono cose che davvero non hanno prezzo: l’amore non ce l’ha; le persone care, la famiglia, gli amici, gli affetti, la salute non ce l’hanno. Preferirei vivere con qualche stento in più, piuttosto che perdere, per questioni di mera convenienza, le persone amate.

AMATE.

Forse sta proprio lì, il problema. Se si ama davvero, non si vendono i propri sentimenti per qualche euro in più o in meno. E l’amore non è subordinato a nulla, neanche agli altri, neanche agli “oggetti dell’amore stesso”, quando c’è ti prende e non puoi frenarlo per niente e nessuno.

Quando sono stata coinvolta, per lavoro o in famiglia, nell’educazione dei più giovani, ho sempre cercato di trasmettere esattamente questi principi.
CERTUNI, evidentemente, credono il contrario (chissà da quante generazioni). Io al posto loro, me ne vergognerei. Ma proprio tanto, tanto.

Ho visto persone come loro, piangere lacrime di sangue per aver perso tempo, opportunità, occasioni per amare “gratuitamente” quando non ne hanno più avuto modo, per svariati motivi.
In casa nostra, nella nostra vita, contano i pezzi di cuore.
Con certi pezzi di carta (e non solo le fruscianti banconote) ci puliamo……. i vetri; ci puliamo i vetri, che è un ottimo sistema. Avete provato mai?😇